Setter Gordon in Australia

Questo articolo è stato scritto sulla base di un’esperienza pluriennale con il mondo dei cani, possedendo, allevando, ricercando e presentando prima di dedicarmi ai Setter Gordon e successivamente a giudicare tutto il Gundog Group (gruppi FCI 6-7-8 n.d.t.).
Quanto è di seguito esposto riguarda solo i soggetti che rivestono un’importanza di rilievo.
Storicamente i primi Gordon importati in Australia furono una coppia proveniente dall’Isola di Skye nel 1865. ci furono poi molte importazioni successive dall’Inghilterra attraverso gli anni. Con l’avvento del ventesimo secolo, molte famiglie italiane possedevano Gordons con i quali cacciavano nella provincia di Victoria; essi continuarono ad allevare con passione per molti anni.
Nel 1930 alcuni allevatori nella Nuova Galles del sud produssero Gordons di rilievo sia per le qualità venatorie che per quelle morfologiche. Tra gli altri ricordiamo Mr. Gorge Edwards con Fd. Grand Ch. Glenhaig Trigger, ma anche molti cani da lui allevati con prefisso Argyle.
Fra questo periodo ed il 1965 la maggior parte dei Gordon erano cacciatori, ma con l’aumentata popolarità delle esposizioni di bellezza l’allevamento Lorroy importò due soggetti dalle qualità di lavoro ed esposizione dalla Nuova Zelanda. Si trattava di Ch. Dalbeattie of Glencraig e worthy Downs Black Poppy.
I loro discendenti divennero i capostipite di molti allevamenti, compreso l’allevamento Warchant.
I Gordons “Lederle” nella provincia di Victoria, di proprietà di Mimo Perna e Lou Brida, fornirono molti stallon per molti allevamenti sia nella provincia di Victoria che nella Nuova Galles del Sud. Tutti i cani prodotti da questo allevamento erano forti e molto longevi: si ricorda un soggetto che continuò a cacciare fino a 16 anni.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile sul nostro sito web.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente ne accetta la trasmissione sul proprio dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Dati di navigazione – log files

I sistemi informatici e gli applicativi dedicati al funzionamento di questo sito web rilevano, nel corso del loro normale funzionamento, alcuni dati (la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet) non associati a Utenti direttamente identificabili. Tra i dati raccolti sono compresi gli indirizzi IP e i nomi di dominio dei computer utilizzati dagli Utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri riguardanti il sistema operativo e l’ambiente informatico utilizzato dall’Utente. Questi dati vengono trattati, per il tempo strettamente necessario, al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il regolare funzionamento.
 
Dati forniti volontariamente dall’utente

L’invio volontario ed esplicito di posta elettronica agli indirizzi indicati nei differenti canali di accesso di questo sito e la compilazione dei “form” (moduli elettronici) specificamente predisposti comportano la successiva acquisizione dell’indirizzo e dei dati del mittente/utente, necessari per rispondere alle istanze prodotte e/o erogare il servizio richiesto. Specifiche informative di sintesi saranno riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.
 
Cookies

Non sono utilizzate in alcun modo tecniche informatiche per l’acquisizione diretta di dati personali identificativi dell’utente. I c.d. cookies di sessione, una volta terminata la connessione al sito web non vengono conservati.
I nostri sistemi informatici non utilizzano:
- cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale
- cookies persistenti di alcun tipo