Il Setter Gordon

setter-gordon-historyChiamato in passato anche Setter Scozzese o, come riportano alcuni libri che ci tramandano di un setter nero focato esistente già attorno al 1726, la storia della razza ha origine da una stirpe di setter allevati al castello di Gordon, all’epoca di Alessandro, IV Duca di Gordon (1743-1827).

Poiché non esistevano all’epoca né libri origine, né pedigree, l’esatta origine di questi cani rimane sconosciuta. Una rassegna completa di tutte le testimonianze disponibili è stata pubblicata nella monografia del maggiore Corn Shilbred. Troviamo quindi riportato che i setter presenti nel canile del castello erano di vari colori, ma che i nero focati erano i preferiti per le loro eccellenti qualità di cacciatori attenti, dalla ferma solida e dalla grande resistenza; ulteriori accoppiamenti portarono ad una stirpe riconosciuta.

Alcuni scrittori dell’epoca descrissero questi cani come soggetti dall’aspetto imponente, con un ricco mantello frangiato. Le macchie bianche erano frequenti. Successivi accoppiamenti eliminarono gradualmente le macchie bianche e si iniziarono a produrre soggetti dalle focature chiaramente indicate. Una piccola macchia bianca al petto appare ancor’oggi in alcuni Gordon, ma purchè sia molto limitata nelle dimensioni, non rappresenta un difetto.

Il nome ufficiale divenne quindi " Setter Nero Focato" e fu con questo nome che "Dandie" vinse alla prima esposizione di cui si ha notizia, a Newcastle nel 1859. La precedente definizione di "Gordon" venne ripresa alcuni anni dopo la costituzione del sistema di registrazione del Kennel Club inglese.

setter-gordon-cacciaCercare di risalire alle esatte origini di una razza è compito sempre arduo, per non dire impossibile. Come si è già detto, la cinofilia ufficiale risale a poco più di 100 anni fa, ma cani che possono essere gli antenati dei nostri setter erano già presenti alcuni secoli prima. Probabilmente non siamo così lontani dalla realtà se pensiamo ai cani di tipo épagneul che esistevano in Spagna attorno al 16° secolo e che sono arrivati in Inghilterra al seguito dei reduci dalle varie guerre di conquista che si combattevano un po’ dovunque nel mondo fino ad allora conosciuto. Non si trattava certo di épagneul bréton, né di spaniel come noi li intendiamo, ma piuttosto di cani simili all’épagneul français, molto più vicino morfologicamente al setter. Diffusosi in tutta l’Inghilterra, questo "tipo épagneul" ha probabilmente cominciato ad assumere caratteristiche diverse in funzione delle esigenze del terreno, della vegetazione, del tipo di caccia, ma anche di quanto veniva richiesto ed apprezzato dalle diverse famiglie di nobili che ne curavano l’allevamento.

L’interessantissimo testo di Laverack sul setter mette bene in evidenza come esistessero ancora a metà dell’Ottocento diversi ceppi di setter, riconducibili al nome di chi maggiormente si era distinto nell’allevamento.

Solo la costituzione delle diverse società cinofile nei vari paesi portò alla definizione del "tipo", quasi come lo intendiamo noi ai giorni nostri e all’elaborazione degli standard di razza, ed è solo quindi alla fine dell’Ottocento che inizia l’avventura ufficiale del Gordon.

E’ interessante ricordare che fra i primissimi cani iscritti al Kennel Club italiano (l’ENCI di oggi), se non i primi in assoluto, furono dei Gordon.

La razza ebbe una grande popolarità attorno agli anni 30, venendo poi soppiantata dai setter inglesi, di più recente importazione in Italia, la cui spettacolarità nella ferma li rese dominatori incontrastati delle prove di caccia.

Da alcuni anni la razza si è attestata (con alcune variazioni) sulle 400 iscrizioni annue al LOI, anche se nel 1998 vi è stato un sensibile calo a soli 296 soggetti iscritti, in netta controtendenza con l’interesse che, al contrario, la razza sta riscontrando.

 

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile sul nostro sito web.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente ne accetta la trasmissione sul proprio dispositivo. Per saperne di piu'

Approvo

Dati di navigazione – log files

I sistemi informatici e gli applicativi dedicati al funzionamento di questo sito web rilevano, nel corso del loro normale funzionamento, alcuni dati (la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet) non associati a Utenti direttamente identificabili. Tra i dati raccolti sono compresi gli indirizzi IP e i nomi di dominio dei computer utilizzati dagli Utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri riguardanti il sistema operativo e l’ambiente informatico utilizzato dall’Utente. Questi dati vengono trattati, per il tempo strettamente necessario, al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il regolare funzionamento.
 
Dati forniti volontariamente dall’utente

L’invio volontario ed esplicito di posta elettronica agli indirizzi indicati nei differenti canali di accesso di questo sito e la compilazione dei “form” (moduli elettronici) specificamente predisposti comportano la successiva acquisizione dell’indirizzo e dei dati del mittente/utente, necessari per rispondere alle istanze prodotte e/o erogare il servizio richiesto. Specifiche informative di sintesi saranno riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.
 
Cookies

Non sono utilizzate in alcun modo tecniche informatiche per l’acquisizione diretta di dati personali identificativi dell’utente. I c.d. cookies di sessione, una volta terminata la connessione al sito web non vengono conservati.
I nostri sistemi informatici non utilizzano:
- cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale
- cookies persistenti di alcun tipo